Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Tratto Dal ISTITUTO LUCE 

 

 Documentario dedicato all'Isola di Ischia: alla sua storia, al suo mare, alle coltivazioni, alla pesca, alle sue genti: Ischia Porto, Serrara Fontana, Casamicciola, Lacco Ameno e Sant'Angelo.

 

L'Album

 

 

 

 

Al primo chiarore dell'alba i monaci escono dall'eremo sulla vetta dell'epomeo per benedire l'isola d'Ischia che va rivelando i contorni delle sue coste col sorgere del sole il rito che si compie ogni giorno e come un'invocazione di serenità e di bene all'Isola sorta nella Preistoria dal mare per l'opera trasformatrice dell'uomo
Col sole che getta i primi Barbagli sull'acqua i pescatori di ritorno a terra dopo la lunga crociera notturna e da ogni finestra o terrazza lì Saluta Il sorriso delle donne ridestate da poco
Nei dirupi della Costa meridionale spinti talvolta fino ad altezze inaccessibili Ischia dimostrando la sua natura vulcanica Il segreto stesso della nascita dell'isola che si svela in queste rocce dove appare pietrificato un pauroso rivolgimento della materia
Un arco naturale apre l'accesso ad una grotta vuole una leggenda che rischiara di luce spirituale questa atmosfera la cataclisma che da qui la Sibilla Cumana affidasse al vento impresso sulle lapidi foglie il vaticinio del Redentore
Appare da lungi l'isolotto Dove sorge il castello d'Ischia È un luogo di memoria illustri che risalgono nell'antichità a Girone Siracusano nel 500 divenne dimora prediletta della poetessa Vittoria Colonna che sposa Ferrante D'Avalos signore dell'isola
Appena sotto il flusso dell'onda che corre sul basso fondo roccioso a lambire gli scogli la fauna marina offre spesso sorprendenti esemplari
Dal mare in taluni tratti della Costa l'occhio supera facilmente il ciglio roccioso appare allora una terra di straordinaria veracità come se la corteccia che ha ricoperto nel tempo La struttura petrigna dell'isola avesse attinto dalla natura di quella un benefico calore di vita nei rigogliosi vigneti di Ischia Il gran sole del Golfo di Napoli indora e imbrunisce i più splendidi grappoli dai quali fermenterà tra breve un bel vino sottile e vigoroso
Il fuoco vive tuttora nel seno di questa terra qui una sorgente calda affiora e Ribolle proprio sul limite della spiaggia e le onde del mare non riescono ad averne ragione
Le fumarole che sgorgano copiosamente danno a questo Avallone già orrido per le rocce sconvolte l'aspetto di un paesaggio d'Averno solo che si sappia risalire nel tempo il mito fiorisce con la voce degli antichi poeti
I Pini ombrellifere sono forse la caratteristica maggiore o la più pittoresca del paesaggio di Ischia sorprendiamo all'ombra di una pineta alla danza originaria dell'isola l'intrecciata condotta da soli uomini essa non è altro che una finta battaglia trasformata in un ritmo primitivo
ora nel silenzio Meridiano le squilla si chiamano e echeggiano da ogni campanile dell'isola
scorre così la vicenda dei giorni un altro è passato per la semplice popolazione dell'isola mentre il sole tramonta i contadini tornano al disco e al riposo dai campi

I pescatori staccano dalla riva le barche a forza di Remi veglieranno tutta la notte sul mare

 

 

 

Pin It